Recensione pCloud – Tutto quello da sapere per proteggere i vostri file

pCloud è un servizio di backup cui abbiamo parlato diverse volte nei nostri articoli, che offre dello spazio cloud su cui memorizzare in maniera sicura la vostra musica preferita, video, foto, documenti di lavoro e personali. pCloud vi permette di accedere ai vostri file da qualsiasi dispositivo vogliate, con la possibilità aggiuntiva di condividere i vostri file con parenti, amici o colleghi.

Il motivo per cui consigliamo ai nostri utenti questo servizio, non è semplicemente per le sue caratteristiche agili di spazio di memorizzazione Cloud, infatti pCloud è dotato di un potente sistema di cifratura dei file memorizzati che permette di mettere al sicuro i documenti, scongiurando così l’attacco di qualsiasi hacker, virus, ransomware, adware ed hijacker. I file memorizzabili saranno infatti accedibili e decifrabili solo da voi, nessun ransomware potrà corromperli e nessun adware potrà sbirciare la vostra privacy. Ogni giorno tantissimi utenti ci contattano per chiederci come recuperare i propri file danneggiati, non possiamo che dire che l’unica vera soluzione agli attacchi di malware è la prevenzione. Per mostrarvi come possa essere facile mettere al sicuro i vostri file, abbiamo redatto per voi una recensione di pCloud nel quale includeremo la scheda tecnica e le caratteristiche principali del programma. Inoltre se dovesse esservi stato difficile l’utilizzo di questo programma, troverete lungo la recensione una guida passo passo agli step da svolgere per mettere al sicuro il vostro PC.

SCHEDA GENERALE:

Nonostante sia stato fondato nel 2013 in Blugaria ad Tunio Zafer (CEO e Founder), pCloud conta oggi più di 3 milioni di utenti. I server dell’azienda sono in Svizzera, ed i principali competitor del servizio sono Dropbox e Copy.

Le caratteristiche principali del servizio sono:

  • La facilità con cui si possono mandare e ricevere file con amici e colleghi attraverso link condivisibili.
  • L’altra velocità di upload e download del servizio (80 megabit al secondo per l’upload)
  • La sicurezza del protocollo di trasferimento ( TSL/SSL)
  • L’interfaccia user-friendly di cifratura dei dati del cliente
  • L’accedibilità ai file memorizzati su cloud da dispositivi mobili e desktop

CHI DOVREBBE UTILIZZARE pCloud

La caratteristica principale di pCloud è il fatto che a differenza di altri servizi di cloud , come Google Drive o Dropbox, oltre al maggiore spazio di memorizzazione ed il tutto sotto un robusto algoritmo di cifratura. Oltre ad essere più versatile, pCloud offre anche la possibilità di sincronizzarsi con Facebook e Instagram, il servizio offre contemporaneamente condivisione e sincronizzazione dei file. Molti utenti non si limitano ad utilizzare il servizio per effettuare backup di sicurezza personali o condivisione con parenti e amici, ma anche per condivisioni lavorative data la sicurezza dei database svizzeri. Inoltre nella versione premium il programma offre anche un inviolato servizio di cifratura dei file, che ad oggi è riuscito a salvare migliaia di file e documenti di utenti vittime di virus e malware.

SCHEDA TECNICA:

  • 20 giga
  • Sincronizzazione File
  • Condivisione File
  • Memorizzazione delle modifiche dei file
  • Nessun limite nella dimensione dei file caricabili
  • Algoritmo di cifratura privata
  • Permessi di condivisione
  • Compatibile con Mac, Linux, Windows
  • Accesso Web e Mobile
  • […]

PRIMO ACCESSO:

Come detto precedentemente, lungo questa recensione oltre e specificare la scheda tecnica del programma, procederemo anche a mostrarvi l’interfaccia ed i passi da seguire per mettere al sicuro i vostri file oltre che poterli memorizzare nello spazio offerto da pCloud.

L’algoritmo di codifica dei file che memorizzerete nella vostra cartella pCloud, funziona attraverso una chiave di cifratura di cui solo voi sarete a conoscenza, questa vi permetterà di utilizzare il servizio di codifica dei vostri back e dei vostri file aggiungendo un notevole livello di sicurezza. I file che avrete qui non saranno in nessun modo accedibili o corruttibili da hacker, ransomware o trojan horse.

pCloud Drive:

Molto probabilmente avete effettuato il vostro primo accesso direttamente dal web. Per rendere ancora più carica ancora questa recensione vi diciamo che i passi da seguire prima di poter arrivare ad impostare la vostra Crypto Pass, sono quello di registrarvi ovviamente al servizio e verificare la vostra e-mail. Una volta fatto questo potete decidere se continuare ad usare il programma dal web o se scaricare pCloud Drive che vi permetterà di gestire i vostri file sullo spazio Cloud in tutta semplicità dal vostro computer, come se aveste un nuovo Hard Disk in cui mettere i vostri file in sicurezza!

Installare pCloud Drive sul proprio computer è abbastanza semplice, una volta scaricato il file di installazione, basta effettuare il log-in con i propri dati di autenticazioni e gestire la cartella virtuale che troverete nella vostra directory (come accadrebbe con una nuova memoria di massa aggiunta al vostro computer).

Una volta inseriti i vostri dati d’accesso, vi basterà decidere come gestire la vostra sincronizzazione di file, e caricarli sarà semplicissimo, sarà come spostare un file in una memoria aggiuntiva del vostro computer. d

 

A questo punto vi sarà possibile caricare facilmente i vostri file e gestirli in maniera comoda e semplice dai vostri dispositivi.

Ma prima di passare alla parte della recensione dedicata alla cartella cifrata dei file dove mettere in sicurezza le proprie copie di backup che non vogliamo vedere assolutamente corrotti o criptati da trojan e ransomware, o documenti contententi informazioni private che non vogliamo vengano violate da adware o browser hijacker, vi mostriamo l’ultima fondamentale del servizio free di pCloud. La condivisione dei file. Navigando sul Drive di pCloud, noterete nelle varie sezioni delle cartelle il tasto Invite to Folder, invita alla cartella, questo vi permetterà di invitare e condividere la cartella con altri utenti utilizzando il solo indirizzo e-mail. In base al vostro profilo e servizio pCloud vi sarà anche possibile gestire i permessi dei vostri collaboratori.

 

Crypto Folder: I servizi di cifratura

Oltre a fornirvi una scheda tecnica del servizio pCloud, il motivo principale per cui abbiamo scritto questa recensione è sicuramente il servizio pCloud Crypto e l’utilizzo dell’algoritmo gestito da Crypto Pass. Infatti il servizio premium di pCloud, permette anche di gestire una cartella protetta da algoritmo e chiave di cifratura, al quale solo voi potrete accedere, e nella quale potete inserire tutti i vostri file privati, documenti di lavoro e copie di backup che possono salvare interamente i file da attacchi di virus di qualsiasi tipo, ransomware compresi.

Il servizio Crypto infatti mette a disposizione una cartella aggiuntiva protetta da una chiave di cifratura, la chiave di cifratura non è una normale password, è una chiave che non può essere rubata, che non viene comunicata neanche a pCloud, è una chiave che permettere di sbloccare il complesso algoritmo di cifratura di pCloud e permettervi di accedere ai file più importanti del vostro servizio ed alle copie di Backup che potranno permettervi di recuperare i file danneggiati dai virus. I file che si trovano dentro questa cartella sono inviolabili, non solo Crypto Folder rappresenta il vostro forziere nascosto, ma è anche uno spazio web inviolabile, in cui nessun hacker può accedere (i file contenuti da Crypto Folder non potranno essere violati da eventuali ransomware, trojan o altri malware presenti nel vostro computer).

Ricordatevi in fine che le stesse funzionalità saranno accessibili e usufruibili anche dalla finestra web o dalla versione mobile di pCloud Drive. Se siete arrivati fin qui, vi sarà chiaro il perchè abbiamo deciso di dedicare tanto importanza a questo servizio e perchè abbiamo aggiunto nel vostro sito una recensione così dettagliata di pCloud. Se siete stati vittima di ransomware, sapete che una volta criptati i file le speranze di recuperare i documenti corrotti sono veramente basse. L’unico modo per poter salvare i propri file è quello di effettuare una copia di backup e proteggerla. Proteggere le proprie copi non è così semplice, infatti virus di questo genere contaminano facilmente qualsiasi memoria con cui vengono a contatto, che sia un altro pc, un HD esterno o un dispositivo mobile. Un semplice servizio di cloud permetterebbe al ransomware di infettare i file una volta recuperati, i file caricati su cloud potrebbero essere infetti, e quando si lavora insieme a dei colleghi non vi è nessuna garanzia che i file scambiati non siano infetti. pCloud e Crypto Folder permettono di blindare tutto questo, è creare uno spazio sicuro in cui gli hacker non possono accedere ( il vostro spazio cloud potrebbe essere infetto se aperto nel vostro pc), e vi offrono la possibilità di conservare e nascondere i vostri documenti più importanti e file privati. La chiave crypto pass inoltre vi permette di avere uno spazio sicuro con un alto livello di privatezza, in cui inserire i vostri file privati e non permettere a adware e browser hijacker di sguazzare nella vostra intimità.

Conclusione

Per concludere questa recensione, vogliamo rincuorare tutti gli utenti che hanno avuto esperienze con ransomware e trojan dicendo che esiste un posto in cui mettere al sicuro i propri file e scongiurare nuovi attacchi da virus così brutali. Per tutti gli altri, vittime di adware, hijackers o lettori curiosi, consigliamo di non perdere tempo. Oggi il web è popolato da malware di ogni tipo, e l’unica vera protezione è la prevenzione sicura. Abbiamo scritto questa recensione per voi, nonostante la nostra disponibilità nei confronti di tutti, vorremmo vedere ogni giorno che persa sempre più lettori sicuri che richieste di aiuto-aiuto dell’ultimo momento. Non aspettate dare valore ai vostri file quando sarà troppo tardi e non saranno più recuperabile, non arrivate a dire ” se solo avessi…”, iniziate a proteggere i vostri file da subito.

Lo staff di virus-info.it

 

 

LEAVE A REPLY